Remade Italy

HOME

ENGLISH

GPP, l’Italia eccelle

GPP: L’Italia è prima della classe in Europa.
Una volta eccelliamo in campo ambientale. L’obbligo di fare “Appalti verdi”, esteso così diffusamente in Italia dal Codice Appalti, esiste solo da noi. 

Dopo anni di una scarsamente efficace esortazione, il nuovo codice degli appalti, obbliga tutte le pubbliche amministrazioni ad inserire i criteri ambientali nelle procedure di appalto. Quei “criteri ambientali minimi”(Cam) che da diversi anni il ministero dell’Ambiente emana per le varie categorie di prodotti e servizi che acquista la pubblica amministrazione.

E le amministrazioni pubbliche italiane – i Comuni, ma non solo – si stanno rendendo conto di questa rivoluzione. I cittadini, ci immaginiamo, sono soddisfatti per l’impiego che viene fatto delle risorse pubbliche e gli impatti positivi per l’ambiente e il decollo della circular economy sono prevedibili.

Ma quale è la situazione negli altri Stati europei? Una mappa analitica e dettagliata: la normativa Stato per Stato, i Piani di azione GPP esistenti, i criteri ambientali emanati.
A cura di Simona Faccioli, su Materia Rinnovabile.

Scarica gratuitamente tutta la Rivista (n. 11) dal sito di Materia rinnovabile. L’articolo si trova a pagina 60.
Oppure scarica l’estratto dell’articolo.

20/01/2017

IN EVIDENZA

Il MATTM (Direzione Generale per il clima e l’energia, Certificazione Ambientale e GPP) sta elaborando il Piano d’azione nazionale sulla produzione e il consumo sostenibili (PAN SCP) che mira a dare attuazione a indirizzi e a politiche nazionali sull’economia circolare, […]

» Leggi di più

Bureau Veritas Italia propone un seminario gratuito di approfondimento tecnico per illustrare le novità legate all’introduzione del Nuovo Codice Appalti con focus sulle implicazioni legati ai CAM, sulla crucialità dello schema ReMade In Italy® e degli altri schemi di certificazione […]

» Leggi di più

Nuovo Socio! Remade in Italy è felice di dare il benvenuto a Sumus®, azienda specializzata nell’uso di carta solo riciclata per “chiudere il cerchio” nel recupero di materia biodegradabile (organico, carta) e reinserirla in ciclo come biogas, compost o carta. […]

» Leggi di più