Terreno vegetale

Terreno vegetale ottenuto miscelando matrici minerali e sostanza organica:

  • Argilla proveniente dall’estrazione di cava;
  • Sabbia e Sabbie Limose provenienti dalla Piattaforma di recupero rifiuti speciali non pericolosi (R13-R5);
  • Ammendante Compostato Misto, iscritto al registro dei fertilizzanti ai sensi del D.Lgs. 75/2010 e ss.mm. ii..

Il terreno vegetale può essere impiegato per una serie d’interventi di:

  • ripristino ambientale dove sia richiesta la pronta e rapida rigenerazione di una copertura vegetale (recupero di aree sede
    d’interventi edilizi; cantieri per la realizzazione di infrastrutture;
  • interventi di recupero di aree estrattive, cave dismesse;
  • rinaturalizzazione ed inerbimento di rilevati, ecc);
  • riqualificazione di terreni inquinati, degradati o con evidenti limitazioni produttive;
  • risistemazione di aree verdi, parchi e giardini in aree pubbliche o private;
  • riqualificazione di zone a finalità ricreativa e/o sportiva;
  • miglioramento pedologico e adeguamento agronomico del substrato di coltivazione ecc.
Share on facebook
Share on google
Share on twitter
Share on linkedin