Verso un mercato interno europeo per le plastiche secondarie

Strategia europea sulla plastica. L’obiettivo è stimolare la richiesta di plastica secondaria da riciclo nel mercato europeo, considerando che attualmente meno del 30% dei rifiuti plastici raccolti si avvia a diventare nuovi prodotti.
Su questo presupposto, e nel contesto fortemente condizionato dal bando del governo cinese alle importazioni di rifiuti plastici dal gennaio di questo anno, l’Europarlamento ha dato il via libera (a larghissima maggioranza) alla Strategia europea sulla plastica nell’economia circolare presentata lo scorso gennaio dalla Commissione nell’ambito del piano d’azione per la transizione verso un’economia circolare.

Nel documento i deputati chiedono la creazione di un vero e proprio mercato unico per le plastiche riciclate, nel quale vengano fissati standard sulla qualità, per creare fiducia e rafforzare il la richiesta, tenendo conto dei diversi gradi di riciclaggio compatibili con i diversi usi, garantendone al tempo stesso la sicurezza, ad esempio quando la plastica riciclata è utilizzata in contenitori per alimenti. Gli Stati membri, secondo gli eurodeputati, dovrebbero inoltre considerare la possibilità di ridurre l’IVA sui prodotti contenenti materiali riciclati.

Si prevedono incentivi per la raccolta dei rifiuti in mare, nuove norme a livello europeo in materia di biodegradabilità e compostabilità e un divieto totale della plastica ossidegradabile entro il 2020, nonché il divieto delle microplastiche nei cosmetici e nei prodotti per la pulizia entro il 2020. Questo porterebbe all’abolizione dei frammenti o sfere di plastica, di dimensione generalmente inferiore al millimetro, contenuti come esfoliante o additivo in diversi prodotti di uso quotidiano.

Le microplastiche sono ritenute più dannose per gli oceani sia per la loro pervasività ma anche per la più facile ingestione dagli organismi marini.

La produzione di materie plastiche è in crescita da oltre 50 anni. Negli ultimi anni è impennata: nel 1988 si producevano globalmente 30 milioni di tonnellate, nel solo 2016 abbiamo raggiunto la cifra record di 335 milioni di tonnellate.

(fonte: europarl.europa.eu e repubblica.it)

 

plastiche riciclate

Photo by demokrathaber.org

IN EVIDENZA

Adriatica Asfalti, certificata ReMade in Italy, produce direttamente conglomerati bituminosi a caldo modificati della “nuova generazione” superiori ai conglomerati tradizionali, poichè permettono di realizzare pavimentazioni […]

» Leggi di più

EcoAllene® è il primo materiale proveniente al 100% dal riciclo della parte interna poliaccoppiata (plastica e alluminio) degli imballaggi alimentari, la cui composizione è legata alle […]

» Leggi di più

AMSA e A2A gestiscono il ciclo integrato dei rifiuti, la pulizia delle strade e altri servizi essenziali per l’ambiente, l’igiene e il decoro della città. […]

» Leggi di più

G MIX (Azienda Romiplast) è una materia plastica prima-secondaria costituita da granulato di polimeri provenienti dal riciclo di materie plastiche non pericolose post-consumo, designata R-PMIX-CEM-BTM […]

» Leggi di più