ReMade in Italy? C’è già un progetto

Contributo del Presidente Massimo Ferlini al dibattito nazionale sul Remade in Italy (da greenreport.it)

“Da tempo è sentita l’esigenza di definire ambiti certi con cui procedere agli acquisti di prodotti sostenibili. La pubblica amministrazione sta definendo a più livelli norme che certificano la provenienza dei prodotti da materiali da riciclo. In Europa si sta affermando la carbon footprint, metodo per valutare (e permettere al consumatore di valutare) l’impatto di sostenibilità dei prodotti.

L’industria ha però bisogno di certezze per poter investire e sviluppare un nuovo settore di prodotti e materiali…”

Per saperne di più…

IN EVIDENZA

G MIX (Azienda Romiplast) è una materia plastica prima-secondaria costituita da granulato di polimeri provenienti dal riciclo di materie plastiche non pericolose post-consumo, designata R-PMIX-CEM-BTM […]

» Leggi di più

Valsir ha certificato ReMade in Italy un’ampia gamma di granuli in polipropilene e polietilene estruso, destinati in modo specifico ad applicazioni di stampaggio, soffiaggio ed […]

» Leggi di più

Ondulit realizza sistemi di copertura che si avvalgono di una esclusiva tecnologia di protezione multistrato dell’acciaio. Questo sistema protettivo assicura elevate prestazioni e grande affidabilità […]

» Leggi di più

La Società Frantoio Fondovalle ha raggiunto l’importante obiettivo di certificare ReMade in Italy una serie di prodotti per la realizzazione di stratigrafie stradali: aggregati, conglomerati […]

» Leggi di più