Remade Italy

HOME

ENGLISH

La Commissione europea presenta la panoramica delle azioni intraprese ad un anno dal lancio del “Pacchetto economia circolare“, che come noto, insieme alle proposte di modifiche di 5 direttive europee (quelle su rifiuti, imballaggi, veicoli fuori uso, rifiuti elettrici ed elettronici, discariche), comprende un Piano di azioni concrete per rendere attuabile la transizione verso un nuovo modello di economia che chiuda il cerchio attraverso azioni a sostegno del riciclo e del riuso.

Lo scopo di questo Rapporto (“Report on the implementation of the Circular Economy Action Plan“), del 26 gennaio 2017, è quello di presentare una panoramica completa delle azioni avviate e di quelle in preparazione, in ogni area interessata, per mostrare i modi attraverso i quali i punti chiave dell’economia circolare sono stati integrati, fino ad ora, in alcune best practices industriali, negli appalti pubblici (verdi), negli incentivi, in forme di integrazione fiscale e molto altro ancora.

Tra le iniziative prese dalla Commissione, se ne segnalano alcune

  • l’adozione, avvenuta il 30 novembre 2016, dell’Ecodesign Working Plan 2016-2019 contenente la proposta di modifica della direttiva sull’ecodesign 2009/125/Ce
  • la Piattaforma sugli sprechi e gli scarti di cibo, avviata il 1° agosto 2016
  • la Comunicazione “The role of waste to energy, del gennaio 2017 (COM(2017) 34)
  • la proposta di modifica della Direttiva sulla restrizione dell’uso di determinate sostanze pericolose nelle apparecchiature elettriche ed elettroniche, del gennaio 2017 (COM(2017) 38)
  • la piattaforma per supportare azioni di investimento di progetti di Circular economy, avviata a gennaio 2017 dalla Commissione insieme alla Banca Centrale degli investimenti per stimolare la consapevolezza sui progetti e sul business legato alla Circular economy e facilitare gli investimenti
  • Green public procurement: nel corso del 2016 la Commissione ha pubblicato nuovi criteri per l’edilizia, la costruzione e manutenzione di strade, i computer e monitor
  • la proposta legislativa relativa a determinati aspetti dei contratti di vendita online e altri tipi di contratti a distanza del 9/12/2015:  COM(2015) 635 final
  • la proposta legislativa sui fertilizzanti realizzati da materie prime seconde, del 17/3/2016: COM(2016) 157 final

Per saperne di più: scarica il Rapporto della Commissione europea

27/01/2017

IN EVIDENZA

Quali caratteristiche devono avere le certificazioni ambientali per poter essere accettate dalle Stazioni appaltanti ed essere quindi un reale supporto per le Aziende? E’ interamente dedicato […]

» Leggi di più

Nuovo Socio! Remade in Italy è felice di dare il benvenuto a Sumus®, azienda specializzata nell’uso di carta solo riciclata per “chiudere il cerchio” nel […]

» Leggi di più

  Primo incontro di settore | CAM EDILIZIA QUANDO: 17 maggio 2017 ORE: 9.00 – 13.00 DOVE: Camera di Commercio di Milano, sala Consiglio   […]

» Leggi di più

Nel Report “Attuazione delle politiche ambientali per l’Italia“ la Commissione europea rileva ReMade in Italy come esempio concreto di buona pratica nel campo del GPP. […]

» Leggi di più

Pubblicati in Gazzetta ufficiale i Criteri ambientali minimi obbligatori per gli appalti pubblici nei settori dell’arredo, dell’edilizia e del tessile, con decreto del Ministero dell’Ambiente […]

» Leggi di più