Remade Italy

HOME

L’Economia è Circolare!

Il “Pacchetto Economia circolare”, approvato dalla Sessione Plenaria del Parlamento europeo del 18 aprile 2018, e approvato in via definitiva dal Consiglio europeo il 22 maggio 2018, contiene un fondamentale cambio di paradigma: dalla gestione dei rifiuti si passa alla gestione dei materiali.

L’approvazione innesca una serie di reazioni a catena, che condurranno al recepimento delle nuove misure da parte degli Stati europei, tra cui l’Italia (il “Pacchetto” contiene modifiche delle direttive europee su rifiuti, imballaggi, discariche, veicoli fuori uso, pile e Raee e il recepimento significa che l’Italia dovrà modificare coerentemente le norme interne che disciplinano le materie: Codice ambientale, Dlgs. 152/2006 e le altre norme di settore).

Si legge nelle Premesse del documento: “La gestione dei rifiuti nell’Unione dovrebbe essere migliorata e trasformata in gestione sostenibile dei materiali al fine di proteggere, preservare e migliorare la qualità dell’ambiente, proteggere la salute umana, assicurare un uso prudente, efficiente e razionale delle risorse naturali, promuovendo i principi dell’economia circolare, migliorando l’uso delle energie rinnovabili, aumentando l’efficienza energetica, riducendo la dipendenza dell’Unione dalle risorse importate, offrendo nuove opportunità economiche e contribuendo alla competitività a lungo termine.”

E’ già chiaro nelle intenzioni il cambiamento culturale in atto, un percorso avviato da diversi anni, nei quali si è assistito a un “ribaltamento percettivo”: i ri-prodotti, da prodotti di serie B diventano i “nuovi prodotti”, oggetti frutto dell’innovazione, del ripensamento dei processi, dell’inventiva, dei brevetti italiani, del made in Italy. L’economia ha bisogno di questi prodotti, la ragione è la scarsità delle materie prime, l’effetto è il miglioramento degli impatti ambientali. In mezzo ci sono benefici per tutti.

Il MinAmbiente ha anticipato i tempi, mettendo in campo una serie di misure che tendono a concretizzare l’economia circolare: il GPP (obbligatorio in Italia) infatti esige una grande quantità di materiali e prodotti che derivano dal recupero di materia, con caratteristiche prestazionali, funzionali, strutturali, estetiche pari se non superiori a quelle dei prodotti “vergini”.

La certificazione ReMade in Italy è uno strumento che si incastra perfettamente nel nuovo sistema: la “circolarità” di un prodotto deve essere provata, misurata, comunicata con credibilità e imparzialità (senza auto-dichiarazione!) visto che stiamo parlando di un obbligo normativo (le pubbliche amministrazioni devono comprare prodotti derivanti dal riciclo).

ReMade in Italy, da sempre, si muove con serietà e competenza per offrire uno strumento utile, al GPP e alla Circular economy, in un processo partecipato al quale prendono parte le Aziende stesse insieme alle Istituzioni. Un marchio di prodotto, una certificazione, un’etichetta ambientale: strumenti chiave per qualificarsi nel cambiamento, in un momento nel quale i primi arrivati si posizionano meglio.

 

IN EVIDENZA

CONVEGNO CIRCULAR ECONOMY – 22 NOVEMBRE 2018 Milano, Palazzo Giureconsulti, Piazza Mercanti 2 Ore 9.30 Le opportunità e gli strumenti, tecnici, economici e finanziari. La sfida del GPP. Ciò che non si misura e non si comunica non esiste. Le […]

» Leggi di più

Torna il Forum CompraVerde BuyGreen!   Due giornate di Stati Generali degli Acquisti Verdi per discutere le novità legislative, le best practices nazionali e internazionali, le opportunità in materia di acquisti verdi con convegni, workshop, sessioni formative, scambi one to […]

» Leggi di più

“L’Economia circolare nelle politiche pubbliche. Il ruolo della certificazione” Lo Studio dell’Osservatorio ACCREDIA contiene un censimento di tutte le certificazioni citate nei CAM con focus sui CAM dedicati all’Arredo e all’Edilizia: l’analisi si spinge fino a specificare, oltre ai riferimenti e […]

» Leggi di più