Focus TONER

Nel senso della massima trasparenza, facendo seguito a segnalazioni e richieste di chiarimento che ci provengono dal settore dei toner e consumabili di stampa, diamo di seguito alcuni chiarimenti in merito alla certificazione ReMade in Italy e al suo ambito di applicazione.

ReMade in Italy è una certificazione sotto accreditamento e rigorosa che verifica il contenuto di riciclato (o di parti rigenerate) all’interno di un prodotto, qualunque esso sia. In questo senso è denominata “schema di tracciabilità”. L’Organismo di certificazione, opportunamente formato e controllato da ACCREDIA, effettua le verifiche sui prodotti solo in questo senso. Non vengono effettuate analisi di laboratorio (es. sulla presenza di sostanze nocive), o prestazionali (es. sulla resa di stampa) sul prodotto. La certificazione serve a provare la provenienza del materiale da rifiuti (identificati, tracciati) o, come in questo caso, da operazioni di rigenerazione. Serve per identificare le tipologie dei materiali impiegati e descrivere il processo (lo ripetiamo, limitatamente al contenuto di rigenerato/riciclato). 

In tale senso, il produttore deve mettere in atto le rigorose prescrizioni definite dai nostri Disciplinari Tecnici.

https://www.remadeinitaly.it/documentazione-tecnica/

Si fa inoltre presente che ci vengono riportate dichiarazioni del possesso di certificazioni ReMade in Italy da parte di Aziende che in realtà non lo sono. Si invitano Le Stazioni appaltanti a chiedere specifico riscontro scrivendo a info@remadeinitaly o consultando il nostro Catalogo dei prodotti certificati, che tuttavia non è aggiornato in tempo reale.

Infine, si rimanda alla Circolare esplicativa pubblicata dal Ministero dell’Ambiente in relazione alle forniture di cartucce toner e a getto di inchiostro.